venerdì 3 novembre 2017

Oltre alla XL C'è Di Più



Amici plus size sintonizzati da casa, finalmente una gioia: ASOS ha ufficialmente aperto la sezione plus anche per gli uomini (clicca qui)Sorvolando sul fatto che questa amesing (cit.) novità sarà praticamente la mia rovina e che finalmente anch'io potrò farmi le foto allo specchio come Chiara Ferragni (autrice della citazione sopra, quando ancora non sapeva l'inglese, ai tempi di Diavoletta87), ho molto riflettuto sui double standard che esistono nel mondo della moda riguardo le taglie comode. Ovviamente mi fa piacere che anche i colossi della moda abbiano capito che oltre alla XL c'è di più, è pur sempre un mercato proficuo, ma fino a qualche anno fa non era assolutamente così. Anzi, molto spesso i marchi dedicavano interi reparti alla moda curvy femminile ma neanche mezzo scaffale per la controparte maschile. A suo tempo arrivai anche alla conclusione che probabilmente questa scelta era basata sul fatto che - fino a qualche anno fa - lo stereotipo del ragazzo grosso e un po' sfigato non era un'illusione ma una solida realtà. Non fraintendetemi, qui non si vuole stigmatizzare le (favolose) ragazze curvy o altro, semplicemente sottolineare che, proprio come nella vita, anche la moda ha sempre seguito degli standard imposti dal tessuto sociale, che con i pregiudizi ci sguazza e ci gioca a racchettoni. Forse questa nuova apertura è il segno che i tempi stanno cambiando? Che finalmente tutti possono accedere a una selezione più variegata, vestirsi semplicemente come vogliono ed esprimere la propria personalità? Forse sì e, anche stavolta, il cambiamento passa attraverso all'abbigliamento.

Per chi vuole fare la morale sul discorso del "stare in salute", sono d'accordo con voi. Proprio per questo sono tre settimane che mangio 800 kcal al giorno e mi nutro di lacrime e testate al muro.

Nel frattempo ho anche aggiornato questo post in cui sono elencati alcuni e-shop con reparto plus size anche per gli uomini.

Fate l'amore, non fate gli sciocchi.